Carrello

I reperti sono stati rinvenuti nel parco archeologico sommerso. Sono venuti alla luce grazie alle forti mareggiate di dicembre. Le foto.

02 Febbraio 2020
Ultimo aggiornamento: 02 Febbraio 2020 alle 13.24
Un dolium di circa due metri di diametro e alcuni piani pavimentali in cotto d’epoca romana sono venuti alla luce, a seguito delle intense mareggiate di dicembre scorso, nell’area archeologica sommersa di Pozzuoli.
Foto di Salvatore Franco Ruggiero.

Individuate dal sub professionista Franco Salvatore Ruggiero, i reperti sono stati regolarmente denunciati alle autorità competenti. «Si tratta di un antico dolium di circa 2 metri di diametro», dice Ruggiero. Il caratteristico contenitore in terracotta di forma ovoidale, forse uno dei più grandi oggetti in argilla utilizzati nell’antica Roma per la conservazione di vino ma anche per diversi prodotti alimentari, giaceva semi sommerso da sabbia e detriti, a pochi metri dalla riva.

continua…

 

Leave a Reply