Carrello

Riparte il Master di secondo livello in Medicina Subacquea e Iperbarica a Pisa, il termine ultimo per l’iscrizione è 31 marzo 2020.

Il Master è rivolto a laureati in Medicina e Chirurgia, con esperienza professionale nel campo della medicina subacquea e/o della medicina iperbarica.

Volto a creare figure professionali in grado di prevenire e gestire:

  • gli incidenti subacquei,
  • la malattia da decompressione,
  • curare le patologie che necessitino di trattamento con ossigeno iperbarico.

Si intende attribuire a queste figure professionali il titolo per lavorare e dirigere un impianto iperbarico.

Il Master offre a tutti i partecipanti una formazione di alto livello grazie all’unione di attività frontale in aula (accessibile anche via teleconferenza), attività seminariale, formazione on-line e tirocini formativi.

Inoltre è l’unico Master italiano accreditato come livello 2 Diving dal Diving Medical Advisory Committee, DMAC – sede della International Diving Medicine Expert Board, IDMEB.



Per l’occasione, abbiamo intervistato Vincenzo Lionetti, direttore del Master in Medicina Subacquea e Iperbarica “Piergiorgio Data” e professore associato in anestesia e rianimazione all’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Il Dottor Lionetti si occupa di cardioprotezione perioperatoria, ricercando nuove strade terapeutiche che attingono ad approcci epigenetici.

Svolge un’attività di ricerca sia a livello preclinico, cioè che ricorre ad una modellistica che cerca di simulare le condizioni dell’uomo, sia del paziente.

Professore, in cosa si differenzia il Master universitario in medicina subacquea e iperbarica rispetto agli altri Master?

Il Master di secondo livello di Medicina Subacquea e Iperbarica a Pisa è il primo Master, in Italia, che ha scelto di mantenere la formula biennale per dare la possibilità ai medici di poter approfondire con maggior cura gli argomenti oggetti del Master, senza impattare sugli impegni lavorativi.

Il Master “PierGiorgio Data” di Pisa, della durata di due anni, cura sia l’aspetto iperbarico sia aspetti che riguardano la medicina subacquea.

È svolto dall’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa in collaborazione con l’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR di Pisa.

L’approccio è fortemente multidisciplinare con aggiornamenti costanti, attingendo anche alle frontiere che vengono offerte dall’innovazione tecnologica. Ad ogni edizione del Master sono garantite delle novità che provengono dal mondo della ricerca e che hanno già delle ricadute nel mondo lavorativo.

Quali sono le novità di quest’anno?

L’edizione di quest’anno focalizzerà una sezione formativa sul tunneling, una novità assoluta.

Il tunneling forma personale in grado di prendersi cura di chi opera in ambienti iperbarici nella costruzione di Tunnels

Per fare questo attingiamo a competenze di tipo giuridico, infatti anche l’aspetto sulla sicurezza viene affrontato durante il Master.
Da qui le collaborazione con la Sapienza di Roma e corsi di aggiornamento e formazione sugli aspetti di tipo assicurativo, in grado di offrire una formazione a tutto tondo.

A chi è rivolto il Master?

Il Master è rivolto a medici e, come tale, permette non solo di acquisire informazioni teoriche (che sono alla base della specialità a cui afferisce il Master) ma offre anche l’opportunità di svolgere degli stage formativi .

Gli stage, di natura pratica, vengono svolti:

  • in ambiente iperbarico, come possono essere camere iperbariche presso centri nazionali, pubblici e privati, come il Centro del Dottor Longobardi
  • in ambiente subacqueo organizzando dei percorsi formativi presso regioni nazionali e internazionali come, ad esempio, a Sharm el-Sheikh in Egitto

Quali sono i punti di forza del Master?

Il Master di secondo livello è l’unico ad essere inserito in un network internazionale che gli permette di rilasciare delle certificazioni riconoscibili e valide anche all’estero.

Per tanto organizza una serie di corsi monografici, ospitando eccellenze nel panorama scientifico nazionale ed internazionale.

Il Master ha un rapporto di collaborazione con la Simsi, Società Italiana di Medicina Subacquea ed Iperbarica, e con la Siaarti, la Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva.

Ha, inoltre, rapporti di collaborazioni con la comunità scientifica internazionale ed è uno dei promotori di alcuni eventi scientifici di ampio respiro come il prossimo Congresso Nazionale della Simsi, che si terrà a Pisa nel novembre 2020.

Congresso che vedrà ospiti intervenire da tutto il mondo, dagli Stati Uniti fino ad arrivare al Medio Oriente.
All’evento prenderanno parte anche esponenti del mondo dell’impresa che afferisce al mondo della medica subacquea.

font:simsi.it/

Leave a Reply